I gatti e gli scrittori giapponesi

Postato il

Io sono un gatto. Un nome ancora non ce l’ho. Dove sono nato? Non ne ho la più vaga idea. Ricordo soltanto che miagolavo disperatamente in un posto umido e oscuro. E’ lì che per la prima volta ho visto un essere umano. Provai un senso di vertigine quando mi mise sul palmo della mano e mi sollevò per aria. Appena ritrovai una certa stabilità lo guardai in faccia. Che creatura curiosa, pensai. E questa impressione di stranezza la conservo ancora.

Così inizia una delle più celebri opere della letteratura giapponese, Io sono un gatto (1905) di Sōseki Natsume, e non è un caso.  I felini sono certamente tra gli animali più amati dagli scrittori nipponici ed è infatti piuttosto frequente imbattersi in loro sfogliando romanzi e racconti: mi viene subito in mente La gatta di Tanizaki Jun’ichirō (qui la mia recensione), contesa tra due innamorati oramai in lite. E di Murakami, ne vogliamo parlare? Oltre a riempire i libri di mici, negli anni Settanta aveva dato vita a un locale, il “Peter cat” (omonimo del suo animale), tappezzato di foto di gatti. 

Dal momento che credo – come gli indiani d’America – che una foto ben fatta possa rubare almeno un brandello dell’anima, ho scelto per voi alcuni scatti raffiguranti tre celebri autori (nell’ordine: Tanizaki, Murakami e Mishima) in compagnia dei loro compagni a quattro zampe; sembra incredibile quanto da una semplice immagine possa emergere del carattere e delle debolezze umane.

“Le nuvole di sapone diventano un gatto, il gatto diventa una bella donna, il viso di quella donna diventa il tuo e quello di Nina… se ciò non avvenisse non potrei sopportare questa mia solitudine.”
Tanizaki Jun’ichirō, Ave Maria

 

— Buongiorno, — disse il vecchio.
Il gatto sollevò appena la testa, e a voce bassa, di malavoglia ricambiò il saluto. Era un grosso gatto maschio nero, anziano.
— È una bella giornata, non è vero?
— Hmm, — fece il gatto.
— Non si vede nemmeno una nuvola.
— Per ora.
— Pensa che questo tempo non durerà?
— Verso sera si dovrebbe guastare. Si sente nell’aria, — disse il gatto nero, allungando lentamente una zampa. Poi socchiuse gli occhi e osservò di nuovo l’uomo in viso.
L’uomo guardava il gatto sorridendo amabile. Il gatto esitò qualche istante, indeciso su come comportarsi. Poi, rassegnato, disse:
— Hmm… si direbbe che sai parlare.
— Sì, — rispose il vecchio timidamente, e in segno di rispetto si tolse il suo logoro berretto di cotone da montagna. — Non è che possa parlare sempre e con tutti i gatti, ma quando le cose vanno bene ci riesco, come adesso.

(Murakami Haruki, Kafka sulla spiaggia)

 

 

“Metti una mano sulla schiena del gatto e giura. Si dice che i bugiardi diventino gatti.!
“Che idiozia!”
Esclamò con disprezzo Kimi e pose una mano sulla schiena ondeggiante del gatto.

(Mishima Yukio, Trastulli di animali)


6 commenti su “I gatti e gli scrittori giapponesi

  1. Che coincidenza!!!
    Proprio in questi giorni stavo scrivendo un articolo per un blog su questo tema! 😀
    Anche io avevo notato questa particolare predilezione degli scrittori giapponesi e poi i gatti… li adoro!! 🙂

  2. Certamente! Lo sto facendo un po’ a scappatempo e quindi procede a rilento, ma non mancherò di segnalartelo quando sarà finito! 🙂

  3. Ho appena comprato online “io sono un gatto” dopo aver letto il meraviglioso “ai tempi di bocchan” del maestro Taniguchi (che consiglio a chiunque non lo conosca). A questo punto non vedo l’ora che arrivi per scoprire questo, per me nuovo, autore Sōseki Natsume!

  4. Pingback: Il giapponese e i gatti « 翻訳と日本

  5. Non è solo degli scrittori giapponesi questa predilezione per i gatti. I giapponesi in generale appartengono alla 猫派 (neko-ha), si direbbe …sì, insomma, gli inglesi direbbero che sono più che altro “cat-person”.
    Andando in Giappone, pur avendolo girato parecchio, da Nord a Sud, non ho mai visto cani in giro (credo 3 in tutto), mentre internet e siti come 2chan e niconico sono letteralmente affollati di gatti…
    Sarà perché nelle piccole case giapponesi di città i gatti sono molto più facili da allevare?
    …che poi, piccola parentesi, mi sono sempre detto: gli puliamo la lettiera, gli diamo da mangiare, li facciamo giocare… ma non è che sono loro i padroni?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *