romanticismo effimero mori ogaiImpero tedesco, 1884. Un brillante medico giapponese appena ventenne giunge in Germania per approfondire i suoi studi: questo mondo inedito ed estraneo – traboccante di luci, di suggestioni, di idee nuove – non può fare a meno di affascinarlo, di trattenerlo presso di sé per ben quattro anni.

Il giovane si chiama Mori Ōgai ed è destinato a divenire uno dei più importanti scrittori e intellettuali dell’Estremo oriente dell’epoca Meiji (1868-1912): ciò che i suoi sensi hanno sperimentato nell’apprendistato europeo finirà nelle sue pagine, accompagnato forse da un’ombra di rimpianto.

Malgrado la sua grandezza, in Italia Mori Ōgai è poco pubblicato; la presenza della sua cosiddetta Trilogia tedesca (La ballerina, Il messaggero, Ricordi di vite effimere) nella raccolta Il romanticismo e l’effimero (2008, pp. 116, € 12) – apparsa per i tipi GoBook (che purtroppo ha concluso le sue pubblicazioni qualche tempo fa) e curata dall’apprezzata yamatologa Matilde Mastrangelo – è dunque un’ulteriore conferma della bontà del catalogo della casa editrice e delle sue sempre interessanti proposte.

die tanzerin ballerina mori ogai

La locandina di “Die Tänzerin” (1989), ispirato a “La ballerina”

Preceduto da un corposo saggio sulla figura e l’opera dell’autore, il volume presenta alcuni dei suoi racconti più celebri; racconti in cui tutto lo stupore e l’erudizione di Mori Ōgai sembrano distillarsi, confusi e mescidati con l’ebbrezza e il dolore degli amori incerti, degli incontri inattesi, dei viaggi che cambiano il corso di un’esistenza. Le sue parole strappano a quell’epoca così lontana brandelli di una quotidianità che a noi pare favolosa, e si fanno strada in una realtà popolata di cafè, di velluti, di neve, di uomini ambigui, di artisti disillusi, di donne fragili, ammantate da un velo di innocenza e mistero. 

E l’ultima pagina, così, ha il sapore dell’ultima goccia d’assenzio nel bicchiere: dolce e amara, scorre rapida dentro di noi, per poi lasciare dietro di sé una scia di calda malinconia.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.