“Biografia di un grande maestro dell’arco”, un racconto di Nakajima Atsushi

Postato il

Di Nakajima Atsushi (foto qui a lato) probabilmente molti non hanno mai sentito parlare: nato nel 1909 e morto trentatré anni dopo in seguito a una polmonite, studiò letteratura giapponese e cinese. Le sue opere più celebri sono Tsushitara no shi (Morte di Tusitala, ispirata alla vita di Stevenson), Hikari to kaze to yume (Luce, vento e sogni); in italiano è reperibile una sua raccolta, Cronaca della luna sul monte e altri racconti (Marsilio, pp. 198, €  10,50).

Once upon a time in Handan, the capital of Zhao, there lived a man named Ji Chang who wanted to be the greatest archer in the world.
He decided to find the best possible teacher.
As far as he knew, nobody could be as good as the great master of archery, Fei Wei.
It was said that Fei Wei could hit a willow leaf without fail from a distance of a hundred paces. Ji Chang made a long journey to call on Fei Wei, and he became the great master’s apprentice.
First, Fei Wei told him, “Learn not to blink.”
Ji Chang came back home. He crawled under his wife’s loom and lay there on his back, watching as she wove.
He watched the “maneki” move quickly up and down, quite close to his eyelids, and he began training himself not to blink.
His wife, knowing nothing about his ambition, could not understand his behavior.
She hated being watched so closely in such a strange way.
But he scolded her, and forced her to continue weaving.
Day after day, he remained in his strange position, learning not to blink.
Within two years, he had trained himself not to blink, even when the busy “maneki” was so close that it shaved his eyelids.
One day he finally crawled out from underneath the loom. From that day forward, Ji Chang wouldn’t blink, even if an irritating bit of debris got into his eye.
He wouldn’t blink, even if a spark entered his eye.
Not even a cloud of ashes could make him blink.
It was as if the muscles of his eyelids had forgotten how to blink.
Even when Ji Chang was sleeping soundly at night, his eyes remained wide open.
One day, he noticed a small spider making a cobweb between the upper and lower lids of one of his eyes.
That gave him confidence, and he went to tell his master about it.
Having heard Ji Chang’s story, Fei Wei said to him, “It is not enough for you to gain the ability to avoid blinking. You must also learn to watch an object.
If, while concentrating on an object, you become able to see small things as if they were big and microscopic things as if they were conspicuous, come and tell me.
Only then will I tell you how to shoot a bow.”
Ji Chang went back home again. He found a louse on a seam of his underwear and tied it up with one of his hairs.
He hung it in his southern window and watched it all day.
Day after day he watched the louse hanging at the window.
It was of course only a louse at first.
A few days later it was still just a louse. But after ten days, it seemed to be growing larger.
At the end of the third month, it clearly looked as large as a silkworm.
The scenery outside the window changed as time went by.
The delightful spring sunshine became the parching heat of summer. The clear autumn sky, filled with flying geese, grew gray and wintry, with cold sleet falling to the ground.
Meanwhile, Ji Chang patiently continued to watch the louse. Each time the louse died, he replaced it with another one.
Soon, three years had gone by.
One day he was aware that the louse seemed as large as a horse.
Fantastic! He slapped his knee with joy, and went outside.
He couldn’t believe what he saw: people big as towers, horses big as mountains.
A pig was a hill. A chicken was a watchtower.
He ran back inside and faced the louse again.
Ji Chang put an arrow made from the stem of a northern mugwort in his bow of Yan horn, aimed it at the louse and shot it.
To his surprise, the arrow cut through the center of the louse, leaving the single hair intact.

Ji Chang immediately went to see the master, and told him what had happened.
Fei Wei jumped up and beat his chest. “You did it!” he said.
He immediately began to initiate Ji Chang into the mysteries of archery.
Ji Chang, who had spent five years in eye training, made surprising progress.
Ten days later, he made an attempt to shoot a willow leaf from a distance of a hundred paces.
He succeeded, and after that he never failed.
Twenty days later, he drew a stiff bow while holding a cup full of water on his right elbow.
Not only did he hit his mark, but also the water in the cup didn’t move at all.
A month passed, and he tried the rapid shooting of a hundred arrows.
As soon as the first arrow hit its mark, the tip of the second arrow hit the tail of the first.
Instantly, the third caught the second, and so on.
No arrow fell to the ground, because each one hit the arrow in front of it.
When he had finished, the hundred arrows were attached end to end like a single long arrow.
And the last arrow looked as if its tail were still attached to the string.
The master Fei Wei, who was standing beside him, spontaneously shouted out,” Good!”
Two months later, Ji Chang happened to come home, and quarreled with his wife.
He aimed his raven bow at his wife’s eyelid and shot a Qi Wei
arrow.
The arrow cut three hairs of her eyelid, and passed on harmlessly.
But she was not aware of being shot, so she continued quarreling without a blink.
It was surprising that he had achieved such mysterious skill and speed in archery.

Ji Chang, who had nothing to learn any more from Fei Wei, became preoccupied with an evil notion.
As far as he knew, nobody could compete with him now except for the master, Fei Wei.
So, he had to eliminate Fei Wei in order to be the greatest archer in the world.
He began looking for a chance to assassinate Fei Wei.
One day he came across Fei Wei walking alone in a field.

He quickly made up his mind, and he put an arrow in his bow and aimed it at Fei Wei, who, recognizing his student’s intent, also raised his own bow and aimed an arrow at Ji Chang.
When they shot at the same time, their arrows hit one another midway between them and fell to the ground.
The skill of the two men had reached the mysteries of archery. That was why the arrows didn’t raise even the least dust.
When Fei Wei had used up all his arrows, Ji Chang still had one more.
Ji Chang put the arrow in his bow and shot at Fei Wei, who quickly broke a branch of a wild rose and with the tip of a thorn smartly knocked the arrow down.
Ji Chang, who had realized that there was no hope of attaining his ambition, felt an unexpected moral repentance. For his part Fei Wei felt relieved that the danger had passed and he was satisfied with his own technical skill. That was why he forgot his hatred for his rival.
They embraced each other in the field and burst into tears.
This may seem strange, but this tale comes from a time long ago when things were quite different from today.
For example, Duke Huan of Qi, ordered Yi Ya his cook to prepare some especially delicious food. Yi Ya, wishing to please his king, roasted his own son as a special meal.
In another example from those days, the sixteen-year-old first emperor of the Qin Dynasty raped his father’s lover three times on the same night his father died.
Although he embraced Ji Chang with tears, Fei Wei was much afraid of another attack by his apprentice.
Therefore he gave Ji Chang a new goal to work toward.
He told the dangerous apprentice that he had nothing more to teach him.
He also told Ji Chang that if he wanted answers to the deeper mysteries of archery, he should go west and climb the steep Taihang mountain range to the summit of Mount Huo, home of Gan Ying, the greatest archer of all time.
“Compared to the skill of this old master, our skills look like child’s play,” said Fei Wei.
“From now on, no one but Gan Ying is fit to be your instructor.”
Ji Chang immediately began traveling west. The words “child’s play” had hurt his pride.
If those words were true, his effort to become the greatest archer of all time was only beginning.
To find out whether his hard-won skill was truly only “child’s play”, he rushed to see the master.

Injuring his feet and legs, climbing dangerous rocks, trudging narrow wooden walkways built high on cliff faces above deep valleys, he finally arrived at the summit of Mount Huo one month later.
Ji Chang was irritated to find only a tottering old man with eyes like a sheep.
“He must be more than a hundred years old,” Ji Chang thought.
Partly because he was severely bent at the waist, the old man’s gray beard dragged on the ground as he walked.
Thinking that he might be deaf, Ji Chang loudly told the old master about his wish to become the greatest archer of all time.
Without waiting for the master’s reply, Ji Chang pulled out his bow and put an arrow in it. He aimed at a flock of migrating birds high in the sky.
As soon as his bowstring rang, five big birds fell from the clear blue sky.
“You do well, in an ordinary way”, said the old man with a gentle smile. “But that is only an ordinary level of archery. It’s a pity you don’t know truly extraordinary archery.”
The old hermit led a very dissatisfied Ji Chang 200 feet away to the top of a cliff.
From the edge of the cliff one could see a faint stream thousands of feet below, a view that could easily cause dizziness.
The old man ran a short distance away and stood atop a teetering stone at the edge of the cliff, looked round at Ji Chang and said “Will you show me the same skill, just as you did before?”

When Ji Chang stood on top of the stone, it moved very slightly.
He forced himself to put an arrow to his bow, and just then a small stone fell from the edge of the cliff.
Suddenly gripped with fear of the great height, he lay down on the teetering rock.
He couldn’t stop his legs from shivering, and he began sweating all over his body.
Sweat dripped to his heels.
With a smile the old man reached out his hand to help Ji Chang down from the stone. Then the old man stepped up on the stone and said, “Now I will show you some extraordinary archery.”
Pale and shaking with fear, Ji Chang noticed something. “Why don’t you have a bow?
He asked. The old man was empty-handed.
“A bow?” the master answered, laughing.
“As long as you need a bow, you cannot enter the mysteries of archery.
When you become a great archer, you need neither a bow lacquered in black nor an arrow with a beech shaft and a stone head.”
A kite was flying very high in the sky just above them, slowly circling.
For a while Gan Ying watched the kite, which at such a great distance seemed no bigger than a sesame seed.
Then he fitted an invisible arrow to an intangible bow, aimed, and shot at the kite. The kite fell from the sky like a stone.
The sight frightened Ji Chang. He had now experienced the deepest mystery of archery for the first time.

Ji Chang stayed as an apprentice of this old master for nine years.
No one knew what kind of training he received in this period.
When Ji Chang came back from the mountain for the first time in nine years, people were surprised at how different he looked compared with before.
He had lost his unyielding, intrepid look, and had the expressionless features of a fool instead.
But when he visited his former teacher, Fei Wei, after his long absence, Fei Wei glanced at him and said excitedly,
“This is the greatest master in the world.
We shall never rival him.”
People in Handan expected to see the mysterious skill which would be exhibited by Ji Chang, the greatest archer of all time.
But Ji Chang had no intention of showing his authority.
He didn’t touch even a bow.
It looked as if he had thrown away the bow which, made from the stem of a willow with a hemp string, he had taken to the mountain with him.
Ji Chang languidly answered the man who asked him the reason, “The best deed is to do nothing. The best saying is to be silent. The best shooting is not to shoot.”
Superficial people in Handan understood it very easily.
The great archer who didn’t touch a bow became the pride of the people of Handan.
The less he touched a bow, the more his mysterious fame spread.
People spread many rumors.
For example, there used to be unknown bowstring sounds over Ji Chang’s house late every night.
It was said that the spirit of archery in the master stole out of his body when he was asleep, and was protecting him from goblins all through the night.
A merchant who lived close to his house said that one night he certainly saw Ji Chang riding on a cloud, playing an archery game with the ancient masters, Yi and Yang Youji, in the sky above his house. He also said that the arrows shot by the three masters made three bluish threads of light, and disappeared in space.
A thief confessed that he was going to steal into
Ji Chang’s house; but as soon as he stepped over the garden wall he was struck on the forehead by a stream of spirit out of the house, and fell away from the wall.
Since then evil-minded people avoided Ji Chang’s house, and migrating birds would not fly over his residence.

The great master Ji Chang got older and older, his fame growing with each year that passed.
His thoughts had already left archery for a long time.
He looked as if he were entering into spiritual mysteries.
His almost expressionless face further lost expression.
He rarely spoke. Finally, it became difficult to tell whether he was breathing or not.
The old master said in his final days that he couldn’t differentiate between himself and others, nor between good and evil, and that his eye felt like his ear, his ear like his nose and his nose like his mouth.

Forty years after leaving Master Gan Ying’s house, Ji Chang died as quietly as mist.
During those forty years he never even spoke of archery, let alone take up a bow and arrow.
Of course, as the writer of the fable I would like to have him play an important, active part in some incident, and prove his greatness as a master archer.
But on the other hand I must not go against the facts that are written in the classics.
In fact, nothing was heard about him toward the end of his life except for the following strange tale.
It goes like this:
One day, a few years before his death, old Ji Chang was invited to the house of an acquaintance.
He saw a tool in that house, and felt as if he had seen one like it before, but he could remember neither its name nor how to use it.
Old Ji Chang asked his host, “What is that, and how do you use it?”
The host thought his guest was making fun of him.
He smiled but didn’t answer him.
Ji Chang asked again, more earnestly this time. But the host was at a loss how to answer.
When Ji Chang asked the same question for the third time, a look of astonishment appeared on his host’s face.
The host looked Ji Chang in the eye, trying to ascertain that his guest was not joking and was not crazy, and that he himself had not wrongly heard the question.
He looked dismayed, almost to the point of being afraid, and said stammering, “You, the greatest archer of all time, have forgotten the bow?
Both its name and how to use it?”
For a while after this incident, it was said that painters hid their brushes, musicians cut the strings of their instruments, and carpenters were ashamed to use their measures.

Fonte: http://www.kcc.zaq.ne.jp/dfeea307/archer.html


"Fiori di un solo giorno" di Anna Kazami Stahl

Postato il

Oramai posso vantarmi (eeeh! :p) di aver sviluppato quasi un sesto senso nei confronti dei libri d’argomento o d’autore giapponese; è così che, tempo fa, ho trovato inaspettatamente in biblioteca Fiori di un solo giorno di Anna Kazami Stahl (Sellerio, pp. 448, € 16), autrice di origine nipponica per parte di madre.
Malgrado la buona volontà, non sono riuscita a superare la boa delle prime cento pagine, in quanto il romanzo (in parte dedicato all’ikebana) mi è apparso piuttosto piatto e incolore. Glisso per pietà sulla bruttezza della copertina.
Questa è la presentazione dell’editore, con la speranza che qualche lettore del blog trovi il volume interessante:

Nell’appartamento del centro di Buenos Aires, abitato da Eveline, donna sola e anziana, piombano improvvisamente una bambina di otto anni, di nome Aimée, e sua madre Hanako. Madre e figlia sono accompagnate da un messaggio e da un vitalizio per il loro mantenimento, mandati dal fratello di Evelin, che è il nonno della piccola Aimée ed è partito per il mondo decenni prima. Hanako è giapponese; muta, per una meningite infantile, è cultrice esperta dell’arte di comporre fiori, l’ikebana, che è espressione di una filosofia e di una sensibilità; del suo vivere, appartato e sommesso, si occupa Aimée. Nient’altro che questo riesce a sapere delle due donne, Eveline: e nessuna notizia verrà più del fratello. Passano molti anni, Eveline è morta, Aimée ha creato una solida attività di fioraia d’ikebana, i cui prodotti più ricercati sono proprio le composizioni libere di Hanako (che nel linguaggio dei fiori esprimono, ciascuna – viene a sapere Aimée da un suo commesso -, «attesa»); ha un uomo che l’ama e un’esistenza operosa e tranquilla. Quando un giorno riceve una lettera: a New Orleans, città d’origine della parte occidentale della sua famiglia, ha ereditato un fortuna. E a New Orleans si incontra col suo aggrovigliato e oscuro passato familiare che affonda nella Seconda Guerra Mondiale. Ed è la pista di pallidi indizi che sa offrirle la sua enigmatica madre muta, a guidarla nella città e tra le paludi del Mississippi, alla ricerca di un segreto gelosamente custodito. Anna Kazumi Stahl è un singolare caso di artista pluriculturale: nata in America da padre tedesco e madre giapponese, di madre lingua inglese e giapponese, ma scrittrice in spagnolo, per costringersi alla precisione e alla nitidezza della scrittura di una lingua prediletta ma non naturale (come fece con la lingua inglese Nabokov, cui i critici l’accostano). Ma nonostante le somiglianze anagrafiche con la protagonista, non ha scritto una storia autobiografica. Fiori di un solo giorno (i fiori, appunto dell’ikebana) è un romanzo di atmosfera trasparente e misterioso, per la sottile tensione che non sfocia mai in situazioni più allucinanti e stridenti ma si mantiene in una sospensione allusiva; il cui tema è la condizione di frantumazione dell’identità, il contrasto e il mescolarsi dei contesti vitali, delle radici. «Sono interessata alle storie di persone che scelgono di partire e installarsi altrove: come succede, perché succede e in che circostanze».


La voci del passato di Taichi Yamada

Postato il

Spesso, quando si ama una nazione, si tende a trascurarne gli aspetti più spiacevoli o prosaici, enfatizzandone altri; in virtù di ciò, il Giappone rappresenta per molti soltanto il paradiso del sushi, popolato di geisha, robottoni e samurai.
Ma persino l’idilliaco Paese del Sol Levante, come dimostrano le cronache politiche degli ultimi giorni, ha i suoi problemi interni, più o meno gravi: di essi ci parla – con una prospettiva tutta sua – Taichi Yamada, in Una voce lontana (trad. di Emanuela Cervini, ed. Nord, pp. 192, € 13), presentato così dall’editore:

Durante l’arresto di sei clandestini provenienti dal Bangladesh, Tsuneo, un ufficiale dell’immigrazione, blocca uno degli stranieri in fuga, ma improvvisamente crolla a terra, travolto da un’irresistibile sensazione. Sembra un episodio isolato in una vita altrimenti tranquilla, ma, poco dopo, quel particolare «svenimento» si ripete. E non solo: Tsuneo comincia a sentire una voce – una voce di donna – che gli parla, lo ammonisce, gli dà consigli, gli chiede di ricordare: ricordare ciò che ha fatto durante la sua permanenza negli Stati Uniti, quando lui stesso era un clandestino. In breve tempo, quella voce diventa l’unica cosa veramente importante. Tsuneo abbandona il lavoro, la fidanzata e qualsiasi impegno sociale, e si getta anima e corpo nel tentativo di capire che cosa voglia da lui la voce. Uno slancio che farà emergere tutto il dolore sopito nel suo passato e che gli aprirà gli occhi su un mondo che lui non ha mai voluto vedere né ascoltare…


Testi d'argomento giapponese pubblicati negli ultimi sei anni

Postato il

Ho trovato sul sito dell’Aistugia (Associazione Italiana per gli Studi Giapponesi) questa utilissima lista delle pubblicazioni di argomento nipponiche uscite negli ultimi sei anni.

Testi pubblicati da giugno 2008 a settembre 2009

Alessandro Valignano S.I. Uomo del Rinascimento: ponte tra Oriente e Occidente, a cura di A. Tamburello, A.Üçerler, Marisa Di Russo, Atti del Convegno tenuto a Chieti nel 2006, Institutum Historicum Societatis Iesu, Roma 2008.

Beretta Lia, Il viaggio in Italia di Tokugawa Akitake, la missione in Europa del fratello dell’ultimo shōgun, Centro Interuniversitario di Ricerche sul Viaggio in Italia (CIRVI), Moncalieri 2008.

Beretta Lia, “Una pittrice giapponese a Palermo nell’Ottocento: O-Tama Kiyohara Ragusa”, in Bollettino del C.I.R.V.I., n. 55, Passeggiate in Sicilia, Gennaio-Giugno 2007, Anno XXVIII, Fascicolo I, pp. 57-84, Centro Interuniversitario di Ricerche sul Viaggio in Italia, Moncalieri.

Beretta Lia, “Miyake Kokki. Un pittore giapponese in viaggio in Sicilia nel 1921”, in Bollettino del C.I.R.V.I., 58, Luglio-Dicembre 2008, Anno XXIX,  Fascicolo II, pp.285-304.

Bienati, Luisa e Scrolavezza, Paola, La narrativa giapponese moderna e contemporanea, Marsilio, Collana Elementi, 2009.

Boscaro Adriana, Ventura e sventura dei gesuiti in Giappone (1549-1639), Cafoscarina, 2008.

Boscaro Adriana, “Valignano interpreta il Giappone: Il Cerimoniale”, in Alessandro Valignano S.I. Uomo del Rinascimento: Ponte tra Oriente e Occidente, Roma 2008, pp. 217-229.

Boscaro Adriana, “Perché Nagasaki?”, in Madama Butterfly l’orientalismo di fine secolo, l’approccio pucciniano, la ricezione (Atti del Convegno Internazionale di Studi Lucca-Torre del Lago, 28-30 maggio 2004), a cura di Arthur Groos e Virgilio Bernardini, Leo S. Olschki Editore, Firenze 2008, pp. 3-15.

Boscaro Adriana, “Il Genji monogatari rivisitato”, in Genji monogatari. Il Principe Splendente nelle collezioni del Museo d’Arte Orientale di Venezia, catalogo a cura di F. Spadavecchia, Marsilio 2008, pp. 6-9.

Busquet Cinto, Incontrarsi nell’Amore. Una lettura cristiana di Nikkyō Niwano, Roma, Città Nuova Editrice, 2009.

Calza Gian Carlo, Genji il principe splendente, Mondadori Electa, 2008.

Diario di Izumi Shikibu (Izumi Shikibu nikki), a cura di Carolina Negri, Marsilio, 2008.

Di Russo Marisa, “La corrispondenza epistolare di Valignano. A proposito di una lettera ritrovata nel monastero di Santa Chiara a Chieti”, in Alessandro Valignano S.I. Uomo del Rinascimento: Ponte tra Oriente e Occidente, Roma 2008, pp. 279-309.

Di Russo Marisa, “I ritratti di Alessandro Valignano: nota iconografica” (pp. 357-367), e “Cronologia valignanea” (pp. 369-383), in Alessandro Valignano S.I. Uomo del Rinascimento: Ponte tra Oriente e Occidente, Roma 2008.

Iaccarino Ubaldo, “Alessandro Valignano e la missione Cobo (1592)”, in Alessandro Valignano S.I. Uomo del Rinascimento: Ponte tra Oriente e Occidente, Roma 2008, pp. 129-143.

Kawabata Yasunari, La bellezza sfiorisce presto e altri racconti [Chirinuru o, 1933 (La bellezza sfiorisce presto), Take no koe momo no hana, 1970 (Voci di bambù fiori di pesco), Sōshiki no meijin, 1923 (Maestro di funerali)], traduzione, postfazione, nota biografica di Ornella Civardi, SE 2008.

Kirino Natsuo, Real World, a cura di Gianluca Coci, Neri Pozza Editore, 2009.

Marino Susanna, Grammatica pratica di giapponese. Con esercizi di autoverifica, Zanichelli 2008.

Menegazzo Rossella, Shashinkyō “specchio copia del vero”. Alla ricerca del naturalismo nelle prime immagini fotografiche del Giappone, Cafoscarina 2008.

Mishima Yukio, Abito da sera (Yakaifuku, 1967), tr. di Virginia Sica con un saggio introduttivo (Mishima e la “sindrome di Jorge”), Oscar Mondadori, 2008.

Mishima Yukio, La spada (Ken, 1963), seguito da Henry Miller, Riflessioni sulla morte di Mishima, tr. di Ornella Civardi, SE, 2009.

Miyabe Miyuki, Il passato di Shoko (Kasha, 1992), tr. di Vanessa Zuccoli, Fanucci, 2008.

Mogi Hitoshi, Taiko. Il tamburo giapponese Tradizione e rinnovamento (Nyūmon Nihon no taiko, 2003), trad. di Mario Carpino, Gobook editore, 2008.

Murakami Haruki, After Dark, tr. di Antonietta Pastore, Einaudi Supercoralli, 2008.

Nenzi Laura, Excursions in Identity. Travel and the Intersection of Place, Gender, and status in Edo Japan, University of Hawai’i Press, 2008.

Nenzi Laura, “Encountering the World: Kawai Tsugunosuke’s 1859 Journey to Yokohama and Nagasaki”, Early Modern Japan, XVI, 2008, pp. 68-83.

Oda Makoto, Ichigo ichie – Ogni incontro è irripetibile (Owaranai tabi, 2006),  trad. di Manuela Suriano, DeriveApprodi, 2008.

Ogawa Yoko, Una perfetta stanza di ospedale, tr. di Massimiliano Matteri e Matake Yumiko, Adelphi, 2009. [Contiene Kanpekina byōshitsu (1989) e Agehachōga kowareru toki (1988, Quando la farfalla si sbriciolò)].

Takami Koushun, Battle Royale, trad. Tito Faraci, Oscar Mondadori, 2009.

Taguchi Randy, Mosaico (Mozaiku), trad. di Gianluca Coci, Fazi Editore, 2008.

Tamburello Adolfo, “Considerazioni conclusive”, in Alessandro Valignano S.I. Uomo del Rinascimento: Ponte tra Oriente e Occidente, Roma 2008, pp. 329-354.

Tollini Aldo, Antologia del Buddhismo Giapponese, Einaudi, 2009.

Volpi Vittorio e Mazzei Franco, “La lezione del Valignano nella gestione della diversità culturale nell’era della globalizzazione”, in Alessandro Valignano S.I. Uomo del Rinascimento: Ponte tra Oriente e Occidente, Roma 2008, pp. 313-325.

Yoshimoto Banana, Chie-chan e io (Chiechan to watashi, 2007), trad. di Giorgio Amitrano, Feltrinelli 2008.

Watanabe Sumiko e Manuela Suriano, Hayashi Kyoko – hito to bungaku, Bensey Publishing Inc., Tokyo, 2009.

Testi pubblicati nel 2006-2007-2008 (maggio)

Amitrano Giorgio, Yama no oto. Kowareyuku kazoku, Misuzu shobō, 2007.

Amitrano Giorgio, Il mondo di Banana Yoshimoto, Feltrinelli, 2007.

Anonimo, Sogno di una notte di primavera. Storia del Secondo Consigliere di Hamamatsu (Hamamatsu chūnagon monogatari), a cura di Andrea Maurizi, Go Book Editore, Merate (MI), 2008.

Beretta Lia, “Viaggiatori giapponesi in Italia, IV, Viaggi di artisti nell’epoca Meiji-Taishō”, Bollettino del C.I.R.V.I., n. 53, gennaio-giugno 2006, Anno XXVII, fasc. I, pp. 153-196.

Beretta Lia, “Giugno 1585: Un’ambasceria giapponese a Ferrara”, in Studi e Ricerche – Cronaca di un centenario, Bollettino della Ferrariae Decus n. 23, 31 dicembre 2006, pp. 227-237.

Beretta Lia, “La saga dei semai in Oriente nell’Ottocento. Lorenzo Inselvini da Brescia a Yokohama via Mosca e Pechino”, in L’impresa di Marco Polo, Cartografia, viaggi, percezione (Convegno internazionale, Spoleto 2005), Edizioni TIELLEMEDIA, Roma 2007, pp. 277-286.

Carioti Patrizia,Cina e Giappone sui mari nei secoli XVI e XVII, Ed. Scientifiche Italiane, 2007.

Casari Matteo, Teatro nō. La via dei maestri e la trasmissione dei saperi, Bologna, CLUEB, 2008.

Ciccarella Emanuele, L’angelo ferito. Vita e morte di Mishima, Liguori, 2007.

Ciriacono Salvatore, “Scambi commerciali e produzione di beni di lusso nel Giappone del periodo Edo. Una lettura storiografica”, Quaderni Storici, 125, 2/2007, pp. 591-621.

Corso di lingua giapponese, Volume I, a cura di S. De Maio, C. Negri, J. Oue, Hoepli, 2007.

Corso di lingua giapponese Volume II, a cura di S. De Maio, C. Negri, J. Oue, Hoepli, 2007.

Corso di lingua giapponese Volume III, a cura di S. De Maio, C. Negri, J. Oue, Hoepli, 2008.

De Palma Daniela, Il Giappone contemporaneo. Politica e società, Carocci Editore, 2008.

Di Fratta Gianluca (a cura di), ROBOT. Fenomenologia dei giganti di ferro giapponesi, Società Editrice L’Aperia, 2007.

Dizionario della saggezza orientale, Mondadori, 2007.

Failla Donatella, “Vasi Orientali nel Museo Chiossone”, FMR, N. 21 (2007), pp. 133-156.

Failla Donatella, Herend e la Via della Porcellana: Chinoiserie e Japonisme, exhibition catalogue, Museo d’Arte Orientale “Edoardo Chiossone”, 29 June 3-9 December 2007, La Neograf, San Giuliano Milanese, 2007.

Higashino Keigo, Il segreto del lago, trad. di Paola Scrolavezza, Baldini Castoldi Dalai, 2007.

Ichikawa Takuji, Quando cadrà la pioggia tornerò (Ima ai ni yukimasu), trad di Marcella Mariotti, Salani Editore, 2007.

Ihara Saikaku, Vita di un libertino (Kōshoku ichidai otoko, 1682), trad. di Lydia Origlia), ES, 2007 (ristampa dell’edizione Guanda del 1988).

Ishida Ira, Tokyo nights (Ikebukuro uesuto g„to påku, 1998), tr. di Naomi Visconti, Fanucci, 2006.

(Izumi Shikibu nikki) Diario di Izumi Shikibu, trad. di Carolina Negri, Marsilio, 2008.

Kawabata Yasunari, La banda di Asakusa (Asakusa kurenai dan, 1930), trad. di Costantino Pes, Einaudi, 2007.

Kirino Natsuo, Grotesque (Gurotesuku, 2003), trad. di Gianluca Coci, Neri Pozza, 2008.

Maraini Dacia e Fosco, Il gioco dell’universo, Mondadori, 2007.

Maraini Fosco, Pellegrino in Asia, a cura di F. Marcoaldi, Meridiani Mondadori, 2007.

Maraini Fosco, Gnòsi delle Fànfole, Baldini Castoldi Dalai, 2007 (ristampa, con annesso CD con musiche di M. Altomare e S. Bollani).

Maraini Toni, La lettera da Benares, Sellerio, 2007.

Marangoni Rossella, Tokyo. La scrittura, la città, la notte, Unicopli, 2007.

Mazzei Franco, “Il ritorno del Giappone”, Mistero Giappone, Quaderni Speciali di LIMES, ottobre 2007, pp. 9-22.

Mishima Yukio, Una virtù vacillante (Bitoku no yoromeki, 1957), trad. di Lydia Origlia, SE, 2007.

Moretti Laura, “Il Fondo Marega: contenuti, potenzialità e significati della collezione di un singolare missionario-nipponista”, Salesianum, LXVIII, 4, ott.-dic. 2006, pp. 745-781.

Mori Ōgai, Vita sexualis, trad. di Ornella Civardi, ES, 2007.

Mori Ogai (a cura di Matilde Mastrangelo), Il Romanticismo e l’Effimero. La trilogia tedesca (Doitsu sanbusaku): La ballerina (Maihime), Il messaggero (Fumizukai), Ricordi di vite effimere (Utakata no ki), Go Book editore, 2008.

Murakami Haruki, Kafka sulla spiaggia (Umibe no Kafuka, 2002), trad. di Giorgio Amitrano, Einaudi, 2008.

Murakami Ryū, Tokyo Soup (In za miso sūpu, 1997), trad. di Katia Bagnoli e Kaoru Tashiro, Mondadori, 2006.

Nakagami Kenji, Mille anni di piacere (Sennen no yuraku), trad. di Antonietta Pastore, Einaudi, 2007.

Nakano Hitori, Train man (Densha otoko, 2004), trad. di Mimma De Petra, Isbn Edizioni, 2007.

Natsume Sōseki, Il signorino (Bocchan), trad. di Antonietta Pastore, Neri Pozza, 2007.

Nishida Kitarō, Uno studio sul bene (a cura di E. Fongaro), Bollati Boringhieri, 2007.

No geisha. Otto modi di essere donna nel Giappone di oggi, Racconti, ed. it. a cura di Gianluca Coci, Piccola Biblioteca Oscar Mondadori, 2008.

Ōe Kenzaburō, Note su Hiroshima (Hiroshima nōto), trad. di Gianluca Coci, Alet Edizioni, Padova, 2008.

Ogawa Yōko, La casa della luce (contiene: Ninshin karendā, Domitori, Daibingu Pūru), tr. di Mimma De Petra, il Saggiatore, 2006.

Ogawa Yōko, La formula del professore (Hakase no aishita sūshiki, 2003), trad. di Mimma De Petra, il Saggiatore, 2008.

Ogawa Yōko, L’anulare (Kusuriyubi no hyōhon, 1994), trad. di Cristiana Ceci, Adelphi, 2007.

Pasqualotto Giorgio, Figure di pensiero. Opere e simboli nelle culture d’Oriente, Marsilio, 2007.

(Kataoka Shikō) Personale di Kataoka Shikō. Lo spirito giovane della calligrafia classica, a cura di Virginia Sica e Francesca Tabarelli de Fatis, Go Book Editore, Trento, 2006.

Principato Alfredo, Fondamenti di Karate-Dô, Calzetti-Mariucci Editori, 2007.

Sakurai Ami, Un mondo innocente (Inosento wåudo, 1996), trad. dall’inglese di Stefania Di Natale, Newton Compton, 2006.

Spadaro Maria Antonietta, O’Tama e Vincenzo Ragusa, Echi di Giappone in Italia, Ed.Kalos, Palermo, 2008.

Suriano Manuela, “A Ground Zero”(con traduzione di A Ground Zero di Hayashi Kyoko), Lo straniero, IX, 62/63, agosto/settembre 2005, pp. 38-45.

Suzuki Kōji, Dark water (Honogurai mizu no soko kara, 1996), trad. dall’inglese di Emanuela Cervini, Nord, 2006.

Taguchi Randy, Antenna (Antena), trad. di Gianluca Coci, Fazi Editore, 2007.

Takahashi Gen’ichirō, Sayonara, gangsters (Sayonara, gyangutachi, 1985), traduzione, postfazione e note di Gianluca Coci, Bur, 2008.

Takashi Yoichi, La storia del Tengu (Horafuki tengu, 1972), trad. di Marcella Mariotti, Casa dei Libri, 2008.

Tanizaki Jun’ichirō, Neve sottile (Sasame yuki, 1948), trad. di Olga Ceretti Borsini, Guanda, 2008 (ristampa dell’edizione del 1989).

Urru Luigi, Il fantasma tra i ciliegi. Topografie di primavera a Tokyo, Liguori, 2007.

Vianello Giancarlo (a cura di), Messaggi del Nulla. La scuola di Kyōto in Europa, Rubbettino, 2006.

Wataya Risa, Solo con gli occhi, tr. di Antonietta Pastore, Einaudi, 2007.

Yamada Taichi, Una voce lontana (Tōku no koe o sagashite, 1989), trad. di Emanuela Cervini, Nord, 2007.

Yoshimoto Banana, Ricordi di un vicolo cieco (Deddoendo no omoide, 2003), trad. di Giorgio Amitrano, Feltrinelli, 2006.
Yoshimoto Banana, Il coperchio del mare (Umi no futa, 2004), trad. di Alessandro G. Gerevini, Feltrinelli, 2007.

Testi pubblicati nel 2006-2005-2004

Abe Kōbō, L’incontro segreto (Mikkai), trad. di Gianluca Coci, Manni editore, Lecce 2005.

Alberizzi Valerio Luigi, “I manoscritti dei testi sacri dall’VIII al XII secolo come fonti per lo studio della lingua giapponese”, in Scritture e codici nelle culture dell’Asia: Giappone, Cina, Tibet, India. Prospettive di studio, a cura di G. Boccali e M. Scarpari, Cafoscarina, 2006, pp. 35-54.

Amitrano Giorgio, “Il mito della morte precoce in Mishima Yukio”, in Studi in onore di Luigi Polese Remaggi, a cura di G. Amitrano, L. Caterina, G. De Marco, L’Orientale-DSA, Series Minor LXIX, 2005, pp. 1-12.

Beretta Lia, “Un Dal Verme in Giappone”, Bollettino Storico Piacentino, CI, 1, genn.-giugno 2006, pp. 71-86.

Beretta Lia, “Alessandro Fè d’Ostiani in Giappone”, in Studi in onore di Luigi Polese Remaggi, a cura di G. Amitrano, L. Caterina, G. De Marco, L’Orientale-DSA, Series Minor LXIX, 2005, pp. 13-22.

Beretta Lia, “Viaggiatori giapponesi in Italia. III. Viaggi individuali nell’epoca Meiji-Taishō”, Bollettino del C.I.R.V.I., 49, genn-giugno 2004, fasc. I, pp. 83-118 (il numero I è uscito nel 1997; il II nel 2001; il quarto è di prossima pubblicazione).

Beretta Lia, Chiossone inedito. Il testamento originale e Il primo Museo Chiossone, Associazione Choyokai, Tokyo 2004.

Bienati Luisa (a cura di, e con voci curate da undici collaboratori), Letteratura giapponese. II. Dalla fine dell’Ottocento all’inizio del terzo millennio, Einaudi, 2005.

Bienati Luisa, “La ‘confessione ironica’ come forma di resistenza ai canoni del romanzo: l’esempio di Tanizaki Jun’ichirō”, in Identità e alterità: tra Oriente e Occidente e tra Oriente e altri Orienti, numero speciale di Asiatica Venetiana, 1, 2005, pp. 13- 28.

Borriello Giovanni, Mori Ogai ufficiale medico, CUEN, 2004

Borriello Giovanni, Giapponese. Dizionario per immagini, A.Vallardi, 2006.

Boscaro Adriana (a cura di, e con voci curate da cinque collaboratori), Letteratura giapponese. I. Dalle origini alle soglie dell’età moderna, Einaudi, 2005.

Boscaro Adriana, “Il Giappone e l’‘Altro’: il caso di Hiraga Gennai”, in Identità e alterità: tra Oriente e Occidente e tra Oriente e altri Orienti, numero speciale di Asiatica Venetiana, 1, 2005, pp. 29- 36.

Calza Gian Carlo, “Immagini e scrittura nei dipinti giapponesi”, in Scritture e codici nelle culture dell’Asia: Giappone, Cina, Tibet, India. Prospettive di studio, a cura di G. Boccali e M. Scarpari, Cafoscarina, 2006, pp. 55-64.

Calza Gian Carlo, “Hokusai: lo specchio della poesia cinese e giapponese”, in M. Scarpari e T. Lippiello (a cura di), Caro maestro… Scritti in onore di Lionello Lanciotti per l’ottantesimo compleanno, Cafoscarina, 2005, pp. 201-223.

Canova Tura Graziana, Il Giappone in cucina, Ponte alle Grazie, Milano 2006 (nuova edizione riveduta e ampliata).

Caroli Rosa, “Re-inventing Okinawa: from Ryukyuness to Japaneseness”, in Josef Kreiner (ed.), Japaneseness versus Ryûkyûanism, Bier’sche Verlagsanstalt  2006, pp. 17-29.

Caroli Rosa, “I buchi neri dell’identità: il caso di Jahana Noboru (1865-1908)”, in M. Scarpari e T. Lippiello (a cura di), Caro maestro… Scritti in onore di Lionello Lanciotti per l’ottantesimo compleanno, Cafoscarina, 2005, pp. 251-263.

Caroli Rosa, “L’identità okinawana tra invenzione, percezione e memoria”, in Identità e alterità: tra Oriente e Occidente e tra Oriente e altri Orienti, numero speciale di Asiatica Venetiana, 1, 2005, pp. 37- 58.

Caroli Rosa, “Ryūkyū-Okinawa no aidenchichi”, in Okinawa no aidenchichi. Kokusai shinpojiumu hōkokusho, Hosei Daigaku Kokusai Nihongaku Kenkyū sentå, Tokyo 2005, pp. 47-57; 326-340.

Caroli Rosa, Gatti Francesco, Storia del Giappone, Laterza 2004.

Caroli Rosa, “La Cina reinventata dal Giappone Meiji”, in L’invenzione della Cina. Atti del VII Convegno Aisc, Congedo Editore, Galatina 2004, pp. 77-95.

Ceci Cristiana, “Fenomenologia di Hello Kitty. Un’icona globale della cultura pop giapponese”, in Orienti e Occidenti della Rappresentazione, Atti del Seminario Internazionale di Studi (Venezia 24-25 novembre 2005), Il Poligrafo, 2005, pp. 213-217.

Ciapparoni La Rocca Teresa, “Il canone poetico dello haiku”, in L’allodola del mio villaggio, a cura di S. Taroni, D. Montanari, L. Telò, Danilo Montanari Editore, 2006, pp.73-82.

Ciccarella Emanuele, La maschera infranta. Viaggio psicoestetico nell’universo letterario di Mishima, Liguori Editore, Napoli 2004.

Coci Gianluca, Abe Kōbō Sutajio to obei no jikken engeki, Sairyusha, Tōkyō 2005.

De Maio Silvana, “I diplomatici in Giappone dal 1876 al 1915”, in Studi in onore di Luigi Polese Remaggi, a cura di G. Amitrano, L. Caterina, G. De Marco, L’Orientale-DSA, Series Minor LXIX, 2005, pp.133-175.

De Palma Daniela, La figura di Toyotomi Hideyoshi attraverso la testimonianza degli occidentali in Giappone, Centro Stampa Nuova Cultura, Roma 2006.

De Palma Daniela, “Il sistema imperiale contemporaneo”, Bulletin of the Institute for Mediterranean Studies, Waseda University, n.3, marzo 2005, pp.1-22.

Di Fratta Gianluca, Il fumetto in Giappone. Dagli anni Settanta al 2000, L’Aperia, 2005.

Di Russo Marisa, “Influenze e suggestioni letterarie dall’incontro tra oriente e occidente. D’Annunzio in Giappone”, in Studi in onore di Luigi Polese Remaggi, a cura di G. Amitrano, L. Caterina, G. De Marco, L’Orientale-DSA, Series Minor LXIX, 2005, pp. 175-198.

Failla Donatella, “Un paradiso buddhista. Bronzi giapponesi del Museo Chiossone”, FMR, 14, 2006, pp. 75-96. (Pubblicato anche nelle edizioni inglese, francese e spagnola di FMR).

Failla Donatella, “The God of Wealth in Western Garb. Kawanabe Kyosai’s Portrait of Edoardo Chiossone as Daikokuten”, Monumenta Nipponica, 61, 2 (Summer 2006), pp. 193-218.

Failla Donatella, “Modelli di pagoda dell’Asia Orientale e tulipaniere nell’Europa del Settecento”, in F. Simonetti, G. Zanelli (a cura di), Una tulipaniera per Palazzo Spinola, cat. mostra, Galleria Nazionale di Palazzo Spinola, Soprintendenza per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico della Liguria, San Giorgio Editrice, Genova 2006, pp. 11-13.

Failla Donatella, Dipinti e Stampe del Mondo Fluttuante. Capolavori Ukiyoe del Museo Chiossone di Genova, catalogo della mostra, Palazzo Ducale Genova, Skira,  2005.

Failla Donatella, “Edoardo Chiossone Museum of Japanese Art, Genoa”, in: J. Kreiner (ed.), Reports from the Toyota Foundation Symposium Königswinter 2003, Bier’sche Verlagsanstalt, Bonn 2005, vol. II, pp. 309-325.

Failla Donatella, “Un esperimento pittorico Meiji tra innovazione e tradizione: Edoardo Chiossone e alcuni maestri della società Jounsha di Kyōto”, Bollettino dei Musei Civici Genovesi, XXIV, n. 71 (luglio-dicembre 2002), pp. 20-33, Silvana Editoriale, 2005.

Failla Donatella, “The Protection of Cultural Properties in Japan. Part One”, Zeitschrift für Japanisches Recht / Journal of Japanese Law, Deutsch-Japanische Juristenvereinigung E.V., Max-Planck-Institut für Privatrecht, 9. Jahrgang / Vol. 9 (2004), 18, pp. 67-107.

Failla Donatella, “Il contributo di Luigi Bernabò Brea alla conoscenza e alla valorizzazione dell’arte giapponese Ukiyoe del Museo Chiossone di Genova”, Bollettino d’Arte, Volume Speciale, Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, Libreria dello Stato, Roma 2004, pp. 205-212.

Ferrera Antonella, Il fiore e la spada, Baldini Castoldi Dalai, 2005.

Ferretti Valdo, “Il Giappone e il Rimodellamento del Sistema di Sicurezza Internazionale”, La Comunità Internazionale, LXI, n. 3, 2006, pp. 469-482.

Ferretti Valdo, “L’Italia e l’adesione del Giappone al Gatt. La visita di Yoshida Shigeru a Roma nel 1954”, Nuova Storia Contemporanea, X, 2, marzo-aprile 2006, pp. 83-96.

Ferretti Valdo, “Taiwan nella politica estera giapponese del secondo dopoguerra: attualità di un dibattito storiografico”, in M. Scarpari e T. Lippiello (a cura di), Caro maestro… Scritti in onore di Lionello Lanciotti per l’ottantesimo compleanno, Cafoscarina, 2005, pp. 547-559.

Ferretti Valdo, “The Globalization Process from South to East Asia and Japan’s Adhesion to the Colombo Plan in 1954”, in J. Beaumont, A. Canavero (eds.), Globalization, Regionalization and the History of International Relations, Edizioni Unicopli/ Deakin University, 2005, pp. 203-211.

Ferretti Valdo, “Un germe di intesa fra la Francia e il Giappone dopo la Conferenza di Washington del 1922”, Clio, XL, 2004, 2, pp. 345-359.

Forzani Jiso Giuseppe, I fiori del vuoto. Introduzione alla filosofia giapponese, Bollati Boringhieri, 2006.

Fujino Chiya, Una promessa d’estate (Natsu no yakusoku), trad. di Bruno Forzan, Einaudi, 2004.

Fujiwara no Teika, Il ponte sospeso dei sogni (46 poesie dallo Shinkokinshū), trad. di Pierantonio Zanotti, Ariele, Milano 2006.

Galliano Luciana (a cura di), MA. La sensibilità estetica giapponese, Edizioni Angolo Manzoni, Torino 2004.

Galliano Luciana, Musiche dell’Asia orientale, Carocci, 2005.

Gatti Francesco, “La Cina tra nihonshugi e ajiashugi”, in M. Scarpari e T. Lippiello (a cura di), Caro maestro… Scritti in onore di Lionello Lanciotti per l’ottantesimo compleanno, Cafoscarina, 2005, pp. 585-594.

Gatti Francesco, “L’invenzione delle parole. Il Giappone Meiji scopre nuovi concetti”, in Identità e alterità: tra Oriente e Occidente e tra Oriente e altri Orienti, numero speciale di Asiatica Venetiana, 1, 2005, pp. 59- 64.

(Gatti Francesco) e Caroli Rosa, Storia del Giappone, Laterza 2004.

Goto Hiromi, Coro di funghi, trad. di Cristiana De Sanctis e Valeria Trisoglio, Ediz. Socrates, 2005.

Gōzō Yoshimasu, The other voice. L’altra voce, trad. di Marco Mazzi, Scheiwiller-Playon, 2005.

Hachiya Michihiko, Diario di Hiroshima, trad. di Francesco Saba Sardi, SE Edizioni, 2005.

Hakagawa Hisayasu, Introduzione alla cultura giapponese, Bruno Mondadori, 2006.

Higashino Keiko, La seconda vita di Naoko (Himitsu), trad. di Paola Scrolavezza, Baldini & Castoldi, 2006.

Hillier Giglioli Enrico, Giappone perduto. Viaggio di un italiano nell’ultimo Giappone feudale, Luni Editrice, 2005.

Hiramoto Hiroshi,  Diario italiano (1880), a cura di Lia Beretta, C.I.R.V.I. (Centro Interuniversitario di Ricerche sul “Viaggio in Italia”), 2006.

Iijima Ai, Platonic sex (Puratonikku sekkusu), trad. di Gianluca Coci, Rizzoli, 2004.

Inoue Yasushi, Amore (Ai), trad. di Giorgio Amitrano, Adelphi, 2006.

Inoue Yasushi, Il fucile da caccia (Ryōjū), trad. di Giorgio Amitrano, Adelphi, 2004.

Ishii Motoaki, Venezia e il Giappone. Studi sugli scambi culturali nella seconda metà dell’Ottocento, Istituto Nazionale d’Archeologia e Storia dell’Arte, Roma 2004.

Italia-Giappone 450 anni, a cura di Adolfo Tamburello, Istituto Italiano per l’Africa e l’Oriente, Roma – Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”, 2 voll., [2003], 2004.
(data la complessità dell’opera che vede un totale di 961 pagine, con circa 150 articoli, una cinquantina di schede e medaglioni, 85 autori, gli indici delle riviste con articoli sul Giappone a partire da Sakura del 1920, si è ritenuto di fare un’eccezione e, pur non essendo una rivista, l’indice completo è stato inserito nel sito alla sezione “Spoglio riviste”).

Kanehara Hitomi, Serpenti e piercing, trad. di Alessandro Clementi, Fazi, 2005

Katayama Kyōichi, Gridare amore dal centro del mondo (Sekai no chūshin de ai wo sakebu), trad. di Marcella Mariotti, Salani, 2006.

Katayama Yōko, Come diventare un buon cane (Rippana inu ni naru hōhō), trad. di Marcella Mariotti, Salani, 2005.

Kawabata Yasunari, Racconti in un palmo di mano, trad. di Ornella Civardi, Marsilio 2006 (ristampa che include i tre precedenti volumi Suggestioni e artifici, La mia galleria, L’album degli schizzi, e la quarta raccolta, Un’erba, un fiore).

Ki no Tsurayuki, Tosa nikki (Diario di Tosa), trad. di Simona Vignali, Cafoscarina, 2004.

Kitano Takeshi, Nascita di un guru, Mondadori, 2006.

Kobayashi Takiji, Il peschereccio di granchi (Kani kōsen), trad. di Faliero Salis, Tirrenia Stampatori, 2006.

Kojiki. Un racconto di antichi eventi, trad. di Paolo Villani, Marsilio, 2006.

Koyama Mayumi S., “Gli oggetti in metallo kinkō della collezione P. A. Garda”, in Kinkō: i bronzi orientali della Collezione Garda, a cura di Harada Katsutoshi et al., Ever Edizioni, 2005, pp. 23-30.

Lanna Noemi, “Il problema dei libri di testo e le relazioni sino-giapponesi”, Mondo cinese, 23, aprile-giugno 2005, pp. 4-11.

López-Gay Jesús, S.J., “Il gesuita Alessandro Valignano e la missione in Giappone (1579-1606). L’inculturazione della Chiesa in Giappone”, in L’Europa e l’evangelizzazione delle Indie Orientali, a cura di L. Vaccaro, Centro Ambrosiano, Milano 2005, pp. 89-140.

Losano Mario G., “Il corso di filosofia del diritto del consigliere giuridico Alessandro Paternostro a Tokyo nel 1889”, Rivista internazionale di filosofia del diritto, 2006, n. 3, pp. 341-372.

Losano Mario G., “La geopolitica nazionalsocialista e il diritto internazionale dei ‘grandi spazi'”, Materiali per una storia della cultura giuridica, XXXV, 2005, n. 1, pp. 5-63.

Luca Augusto, Alessandro Valignano, Emi, Bologna 2005 .

Magrini Gabriella, La dama che amò due principi, Sperling, 2006 (storia romanzata di Izumi Shikibu).

Marino Susanna e Enomoto Yuko (a cura di), Il dizionario giapponese (dizionario giapponese-italiano / italiano-giapponese), Zanichelli, 2006.

Mastrangelo Matilde, Ozawa Naoko, Saito Mariko, Grammatica giapponese, Hoepli, 2006.

Matsutani Miyoko, I miei primi tre anni (Chiisai Momochan), trad. di Marcella Mariotti, Salani, 2005.

Mazzei Franco e Volpi Vittorio, Asia al centro, Università Bocconi Editore, 2006.

Mazzei Franco, “La transizione Tokugawa-Meiji. Dibattito interparagdimatico e approccio ermeneutico, in Studi in onore di Luigi Polese Remaggi, a cura di G. Amitrano, L. Caterina, G. De Marco, L’Orientale-DSA, Series Minor LXIX, 2005, pp. 257-288.

Mazzei Franco, “La nuova ‘centralità’ della Cina e il ‘rientro’ del Giappone in Asia”, Politica internazionale, IPALMO, 1/2-3, genn.-giugno 2004, pp. ????

Migliore Maria Chiara, “Motivi letterari persi e ritrovati in un aneddoto del Kara monogatari, in Studi in onore di Luigi Polese Remaggi, a cura di G. Amitrano, L. Caterina, G. De Marco, L’Orientale-DSA, Series Minor LXIX, 2005, pp. 289-296.

Mishima, Romanzi e racconti 1949-1961, a cura di Maria Teresa Orsi, i Meridiani Mondadori, 2004 (comprende nove testi di traduttori diversi e un ricco apparato critico).

Mishima, Romanzi e racconti 1962-1970, a cura di Maria Teresa Orsi, i Meridiani Mondadori, 2006 (comprende sette testi di traduttori diversi e un ricco apparato critico).

Mizuki Shigeru, Enciclopedia dei mostri giapponesi, Kappa Edizioni, 2 voll.: A-K, 2004; M-Z, 2005.

Mizuno Ryō, Cronaca della guerra di Lodoss – La guerra santa dei Re (Rōdosutō senki 5: Ōtachi no seisen), trad. di Valerio Luigi Alberizzi, Kappa edizioni, 2004.

Mizuno Ryō, Cronaca della guerra di Lodoss – I sacri cavalieri di Lodoss, l’inizio (Rōdosutō senki 6: Rōdosu no seikishi – jō), trad. di Valerio Luigi Alberizzi, Kappa edizioni, 2006.

Molteni Corrado, “Le prospettive dell’alleanza tra Giappone e Stati Uniti”, in La sfida americana. Europa, Medio Oriente e Asia orientale di fronte all’egemonia globale degli Stati Uniti, a cura di Alessandro Colombo, Franco Angeli, 2006, pp.132-149.

Molteni Corrado, “Lingue speciali e influenze culturali: il caso del giapponese economico” in Pablo Neruda in Bocconi: uno sguardo alle lingue professionali, a cura di Giuseppe Bellini, Lavinia Merlini, Sara Vecchiato, EGEA, 2005, pp. 111-116.

Molteni Corrado, “Giappone: la politica estera e di sicurezza di Koizumi” in Multilateralismo e democrazia in Asia, a cura di Corrado Molteni, Francesco Montessoro e Michelgulgielmo Torri, Bruno Mondadori, 2005, pp. 287-306.

Molteni Corrado, “Quali politiche economiche per la ripresa? Il dibattito tra gli economisti giapponesi, in Studi in onore di Luigi Polese Remaggi, a cura di G. Amitrano, L. Caterina, G. De Marco, L’Orientale-DSA, Series Minor LXIX, 2005, pp. 297-308.

Molteni Corrado, “Giappone: dalla rielezione di Koizumi all’invio dei soldati in Iraq” in Le risposte dell’Asia alla sfida americana, a cura di Corrado Molteni, Francesco Montessoro e Michelgulgielmo Torri, Bruno Mondadori, 2004, pp. 236-257.

Molteni Corrado, “L’interfenza dell’inglese sul lessico del giapponese economico”, in Lingua, mediazione linguistica e interferenza, a cura di G. Garzone, A. Cardinaletti, Franco Angeli, 2004, pp. 349-360.

Molteni Corrado, “Estremo Oriente: l’industria giapponese”, L’industria. Rivista di economia e politica industriale, Anno XXV, n.1, gennaio-marzo 2004, pp.63-75.

Molteni Corrado, “Gli investimenti delle case automobilistiche giapponesi in Cina”, Mondo Cinese, Anno XXXII, n. 121, ottobre-dicembre 2004, pp. 10-17.

Moretti Laura, “Il manoscritto nell’era della stampa: riflessioni su alcuni testi letterari di periodo Edo”, in Scritture e codici nelle culture dell’Asia: Giappone, Cina, Tibet, India. Prospettive di studio, a cura di G. Boccali e M. Scarpari, Cafoscarina, 2006, pp. 65-83.

Murakami Haruki, Tutti i figli di Dio danzano (Kami no kodomotachi wa mina odoru), trad. di Giorgio Amitrano, Einaudi, 2005.

Murakami Haruki, Norwegian Wood, a cura di Giorgio Amitrano, Einaudi, 2006. (È la ristampa di Tokyo blues (Feltrinelli, 1993) ma l’attuale edizione è arricchita da un’introduzione).

Natsume Sōseki, Io sono un gatto (Wagahai wa neko de aru), trad. di Antonietta Pastore, Neri Pozza, 2006.

Natsuo Kirino, Morbide guance (Yawarakana hoho), trad. di Antonietta Pastore, Neri Pozza, 2004.

Nenzi Laura, “To Ise at All Costs: Religious and Economic Implications of Early Modern Nukemairi”, Japanese Journal of Religious Studies, 33, 1, 2006, pp. 75-114.

Nenzi Laura, “Cultured Travelers and Consumer Tourists in Edo-Period Sagami”, Monumenta Nipponica,  59, 3 (Autumn 2004), pp. 285-319.

Nenzi Laura, “Womens Travel Narratives in Early Modern Japan: Genre Imperatives, Gender Consciousness and Status Questioning”, Journeys. The International Journal of Travel and Travel Writing, 5:1 (2004), Special Issue: Traditions of East Asian Travel: 47-72.
Ristampato (in versione riveduta e corretta) con lo stesso titolo nel 2006 in Joshua A. Fogel ed., Traditions of East Asian Travel, Berghahn Books, 2006, pp. 44-69.

Nishiwaki Junzaburō, Favole moderne (Kindai no gūwa), a cura di Ornella Civardi, numero unico della rivista di poesia In forma di parole, anno 25°, 1, 2005.

Ōe Kenzaburō, Il salto mortale (Chūgaeri), trad. di Gianluca Coci, Garzanti, 2006.

Orsi Maria Teresa, “Ri Kaisei”, in Multicultural Writers since 1945 (ed. A. Amoia and B. Knapp), Greenwood Press, Westport-London 2004, pp. 427-431.

Orsi Maria Teresa, “Itaria ni okeru Genji monogatari (Il Genji monogatari in Italia)”, in Ii Haruki (ed.), Kaigai ni okeru Genji monogatari no sekai (The World of The Tale of Genji outside of Japan, Translation and Research), International Japanese Literature Research Report, 3, Kazama shobo, Tōkyō 2004, pp. 302-320.

Pastore Antonietta, Nel Giappone delle donne, Einaudi, 2004.

Peternolli Giovanni, “Il Genpo yōka di Itō Jakuchū, in Studi in onore di Luigi Polese Remaggi, a cura di G. Amitrano, L. Caterina, G. De Marco, L’Orientale-DSA, Series Minor LXIX, 2005, pp. 323-346.

Peternolli Giovanni, “I bronzi giapponesi in Europa”, in Kinkō: i bronzi orientali della Collezione Garda, a cura di Harada Katsutoshi et al., Ever Edizioni, 2005, pp.31-37.

Ponticiello Roberta e Scrivo Susanna (a cura di), Con gli occhi a mandorla. Sguardi sul Giappone dei cartoon e dei fumetti, Tunuè, 2005.

Raveri Massimo, Itinerari nel sacro. L’esperienza religiosa giapponese, Cafoscarina, 2006 (nuova edizione).

Raveri Massimo, “Il tao in un gioco di specchi. Immagini del cosmo e contemplazione interiore nel pensiero dell’Asia orientale”, in Orienti e Occidenti della Rappresentazione, Atti del Seminario Internazionale di Studi (Venezia 24-25 novembre 2005), Il Poligrafo, 2005, pp. 43-49.

Ruperti Bonaventura, “Forme e materiali, scritture e stili: la letteratura giapponese in manoscritto”, in Scritture e codici nelle culture dell’Asia: Giappone, Cina, Tibet, India. Prospettive di studio, a cura di G. Boccali e M. Scarpari, Cafoscarina, 2006, pp. 15-33.

Ruperti Bonaventura (a cura di), Cagnoni Paola, Scritti teatrali, Cafoscarina, 2006.

Ruperti Bonaventura, “Il kabuki: le immagini e la scrittura”, in Kabuki. L’arte del teatro nel Giappone dei Tokugawa, a cura di Marco Fagioli e Bianca Laura Petretto, Edizioni Punto A, Cagliari 2005, pp. 29-41.

Ruperti Bonaventura, “Il dramma della gemma che non c’è. Citazioni dal nō e relazioni tra Cina e Giappone nel jōruri Taishokan (1711) di Chikamatsu Monzaemon”, in Identità e alterità: tra Oriente e Occidente e tra Oriente e altri Orienti, numero speciale di Asiatica Venetiana, 1, 2005, pp. 65-100.

Sadun Daniela, “Self Help di Samuel Smiles (1812-1904) e la sua influenza sulla cultura giapponese del periodo Meiji (1868-1912)”, in Studi in onore di Luigi Polese Remaggi, a cura di G. Amitrano, L. Caterina, G. De Marco, L’Orientale-DSA, Series Minor LXIX, 2005, pp. 375-398.

Sagiyama Ikuko, “La poetica di Bashō tra innovazione e tradizione”, in L’allodola del mio villaggio, a cura di S. Taroni, D. Montanari, L. Telò, Danilo Montanari Editore, 2006, pp. 83-96.

Sagiyama Ikuko, “Kokinshû, Petali di poesia”, Poesia, Anno XVII – Aprile 2004, pp. 2-11.

(Sarashina nikki) Le memorie della dama di Sarashina, trad. di Carolina Negri, Marsilio, 2005.

Savegnago Paolo, Valente Luca, Il mistero della Missione giapponese.Valli del Pasubio, giugno 1944: la soluzione di uno degli episodi più enigmatici della guerra nell’Italia occupata dai tedeschi, Istrevi: Istituto storico della Resistenza e dell’età contemporanea della provincia di Vicenza “Ettore Gallo”, Cierre Edizioni, 2005.

Setouchi Harumi, Il monte Hiei (Hiei), trad. di Antonietta Pastore, Neri Pozza, 2006.

Setouchi Harumi, La fine dell’estate (Natsu no owari), trad. di Gianluca Coci, Neri Pozza, 2006.

Shimazaki Aki, Tsubaki & Hamaguri, trad. di Marina Marino, Pisani, 2006.

Starace Irene (a cura di), Il grande libro degli haiku, Castelvecchi, 2005.

Suemasa Hikaru, Tarepanda, trad. di Marcella Mariotti, Salani 2006.

Suzuki Koji, Dark water, trad. di Emanuela Cervini, Nord, 2006.

Taguchi Randy, Presa elettrica (Konsento), trad. di Gianluca Coci, Fazi Lain, 2006.

Takashi Kyoichi, La pelle del demone blu (Onigara), trad. di Marcella Mariotti, Casadei Libri 2005.

Takeshita Toshiaki, Il Giappone e la sua civiltà: profilo storico, seconda edizione, Clueb, 2005.

Takeshita Toshiaki, “Shokyū kōhan no gogakuryoku de Nihongaku nyūmon o – sono tame no kyōzai-gun (Introduction to Japanese studies through elementary level of linguistic competence – a group of teaching materials for that purpose)”, Yōroppa Nihongo Kyōiku 8, Nihongo Kyōiku Shinpojūmu (The Proceedings of the 8th Japanese Language Symposium), Association of Japanese Teachers in Europe (AJE), 2004, pp. 119-125.

Taki Koji, Il ritratto dell’imperatore, Edizioni Medusa, 2005.

Tamburello Adolfo, “Piante dall’Asia Orientale in Europa”, in M. Scarpari e T. Lippiello (a cura di), Caro maestro… Scritti in onore di Lionello Lanciotti per l’ottantesimo compleanno, Cafoscarina, 2005, pp. 1117-1130.

Tamburello Adolfo, “Il Giappone, Napoli e il Meridione d’Italia. Dai primi rapporti alla metà del Novecento”, in Studi in onore di Luigi Polese Remaggi, a cura di G. Amitrano, L. Caterina, G. De Marco, L’Orientale-DSA, Series Minor LXIX, 2005, p. 413-448.

Tamburello Adolfo, “La presenza portoghese in Asia e le missioni. La questione del patronato nei secoli XVI-XVII”, in L’Europa e l’evangelizzazione delle Indie Orientali, a cura di L. Vaccaro, Centro Ambrosiano, Milano 2005, pp. 23-50.

Tollini Aldo (a cura di), The Third Conference on Japanese Language and Japanese language Teaching. Proceedings of the Conference (Rome, 17-19 March, 2005), Cafoscarina, 2006.

Tollini Aldo, “Arufabetto-kei gakusha ni tai suru moji kyōiku” (L’insegnamento dei caratteri giapponesi agli studenti di area alfabetica), Shinpan Nihongo kyōiku jiten (Dizionario dell’insegnamento della lingua giapponese. Nuova edizione), Taishūkan, 2006, pp. 415-416.

Tollini Aldo, “Arufabetto to nihon moji” (L’alfabeto e i caratteri giapponesi), Shinpan Nihongo kyōiku jiten (Dizionario dell’insegnamento della lingua giapponese. Nuova edizione), Taishūkan, 2006, pp. 373-374.

Tollini Aldo, La concezione poetica di Fujiwara no Teika, Cafoscarina, 2006.

Tollini Aldo, La scrittura del Giappone antico, Cafoscarina, 2005.

Tollini Aldo, Le descrizioni del buddhismo nei primi scritti dei missionari cristiani nel Giappone del XVI secolo, in Identità e alterità: tra Oriente e Occidente e tra Oriente e altri Orienti, numero speciale di Asiatica Venetiana, 1, 2005, pp. 101- 126.

Tollini Aldo. “La comunicazione interculturale nel secolo cristiano in Giappone: il caso di Giuseppe Chiara”, in Studi in onore di Luigi Polese Remaggi, a cura di G. Amitrano, L. Caterina, G. De Marco, L’Orientale-DSA, Series Minor LXIX, 2005, pp. 449-468.

Tollini Aldo, Buddha e natura-di-buddha nello Shōbōgenzō. Testi scelti di Eihei Dōgen Zenji, Ubaldini, 2004.

Tollini Aldo, “Dogen Zenji, a Buddhist Master in 13th Century Japan”, in Guru. The Spiritual Master in Eastern and Western Traditions: Authority and Charisma, a cura di A. Rigopoulos, Cafoscarina, 2004, pp. 419-435.

Villani Paolo, “Tradurre il Kojiki”, in Studi in onore di Luigi Polese Remaggi, a cura di G. Amitrano, L. Caterina, G. De Marco, L’Orientale-DSA, Series Minor LXIX, 2005, pp. 469-478.

(Volpi Vittorio) e Mazzei Franco, Asia al centro, Università Bocconi Editore, 2006.

Volpi Vittorio, Marketing mission. Come conquistare un mercato internazionale. Le straordinarie lezioni di Alessandro Valignano, gesuita italiano del cinquecento, Libri Scheiwiller, 2005 (trad. giapp. di Ōe Jun’ichi, Kenja no eigyōryoku, PHP Research, 2006).

Volpi Vittorio, Il Visitatore, Piemme, Casalemonferrato 2004.

Wataya Risa, Install, trad. di Antonietta Pastore, Einaudi, 2006.

Watsuji Tetsurō, Pellegrinaggio alle antiche chiese d’Italia (Itaria koji junrei, 1935), a cura di Oliviero Frattolillo, L’Epos (collana ALIA – Viaggi, culture, idee), 2005.

Yoshimoto Banana, Ricordi di un vicolo cieco (Deddoendo no omoide), trad. di Giorgio Amitrano, Feltrinelli, 2006.

Yoshimoto Banana, L’abito di piume (Hagoromo), trad. di A.G. Gerevini, Feltrinelli, 2005.

Yoshimoto Banana, Il corpo sa tutto (Karada wa zenbu shitte iru), trad. di Giorgio Amitrano, Feltrinelli, 2004.

Zambarbieri Annibale, “Cultura e religione nelle comunità cristiane ‘underground’ in Giappone”, in L’Europa e l’evangelizzazione delle Indie Orientali, a cura di L. Vaccaro, Centro Ambrosiano, Milano 2005, pp. 141-162.

Zambarbieri Annibale, “Kōkoku, tradizione nipponica, cristianesimo. Un episodio negli anni cruciali dell’epoca Shōwa”, in Identità e alterità: tra Oriente e Occidente e tra Oriente e altri Orienti, numero speciale di Asiatica Venetiana, 1, 2005, pp. 127-135.

Zanier Claudio, Cesare Bresciani, Viaggio all’interno del Giappone (1872), CLEUP (Coop. Libraria Editrice Università di Padova), 2006.

Zanier Claudio, Semai. Setaioli italiani in Giappone (1861-1880), Interpretare e comunicare senza tradurre, CLEUP (Coop. Editrice Libraria Università di Padova), 2006.