Un angolo di Giappone a Bari e Trani: presentazione de “L’origine della distanza” e reading teatrale “L’odore intimo del Giappone”

Postato il

reading odore intimo del giappone Per gli amanti del Giappone in Puglia, Mariella Soldo e Barbara De Palma hanno riservato ben due incontri nei prossimi giorni:

  • giovedì 9 maggio, alle ore 19, presso la libreria Zaum/Interno 4 di Bari (Via Cardassi 85/87, Bari), avrà luogo la presentazione del romanzo L’origine della distanza di Francesca Scotti, curata da Mariella Soldo, con letture dell’attrice Barbara De Palma. Sarà presente l’autrice.
  • Sabato 11 maggio, alle ore 20,30, presso il teatro Mimesis di Trani (Via Pietro Palagano 53), sarà la volta del reading teatrale L’odore intimo del Giappone, con la regia di Mariella Soldo, corpo e voce narrante di Barbara De Palma. Lo spettacolo ha un costo di 8 euro. Per info e prenotazioni, potete chiamare il numero 346/8259618 o scrivere a teatromimesis@teletu.it. NB: la prenotazione è obbligatoria.

A Roma, presentazione de “L’origine della distanza” con Francesca Scotti e Biblioteca giapponese

Postato il

L'origine della distanza di Francesca ScottiHo il piacere di invitarvi sabato 4 maggio alla presentazione del romanzo L’origine della distanza di Francesca Scotti (qui trovate la mia recensione), che si terrà presso Doozo. Art sushi & books (via Palermo 51-53, Roma) alle ore 17,30.

L’autrice e io saremo felici di conversare con voi sul libro, scambiando impressioni e pensieri. Vi aspettiamo!


[Recensione] Il seme della parola e la dis/funzione dell’assenza: “L’origine della distanza” di Francesca Scotti

Postato il

L'origine della distanza di Francesca ScottiVittoria è una come tante, ha un’esistenza come tante: abita con la madre, frequenta l’università, esce con gli amici. Sino a che non conosce Lorenzo: un amore da consumare col cuore in gola, di fretta, con ingordigia, prima che un volo possa strapparlo dalle braccia e portare di nuovo l’uomo in Giappone. E poi, improvvisa, la decisione: anche Vittoria partirà. Da sola, con poche cose, accompagnata da una felice incoscienza, ma cosa importa.

A Kyoto, di Lorenzo nessuna traccia. Continua a leggere »