[Recensione] “Face to face. Portraits of the Human Spirit” di Alison Wright: la fotografia racconta l’anima

Postato il

face to face geisha maikoKomomo fissa l’obiettivo, ma resta seria. Il naso carnoso spicca sul viso coperto di biacca, l’attenzione è appena distolta dal rosso carico della bocca e dagli ornamenti da maiko, l’apprendista geisha. Al suo fianco Yachiho-san, già geisha, accenna un sorriso sornione, avvolta in un meraviglioso kimono porpora.

Questi sono solo due dei centinaia di personaggi che Alison Wright ha immortalato scatto dopo scappo nel suo nuovo Face to face. Portraits of the Human Spirit (Schiffer Pub. Co., pp. 208, € 40,70): Continua a leggere »


Hokusai, il vecchio pazzo per la pittura, secondo Henri Focillon

Postato il

 autoritratto hokusai

Ma ecco che nel 1839 bruciò anche la sua dimora, che andò distrutta dal fuoco insieme a una messe considerevole di disegni che conservava dai tempi della giovinezza. L’artista riuscì a fuggire in compagnia della figlia Oyei ma non riuscì a salvare che i pennelli. Continua a leggere »


I sakura e una leggenda giapponese: “Il ciliegio del sedicesimo giorno” (per “Tweet your hanami”)

Postato il

sakura leggenda ciliegioIn occasione del primo hanami virtuale italiano, Tweet your hanami (qui trovate tutte le informazioni su cos’è e come partecipare), voglio presentarvi una delicatissima leggenda giapponese legata agli alberi di ciliegio: la storia è tratta da Kwaiden. Storie di spettri giapponesi di Lafcadio Hearn, Continua a leggere »


[Recensione] “The Demon’s Sermon on the Martial Arts: A Graphic Novel”: arti marziali e fumetti

Postato il

The Demon's Sermon on the Martial Arts: A Graphic NovelComposto nel Settecento dal samurai Issai Chozanshi, Il sermone del demone sulle arti marziali è una delle più celebri raccolte di racconti allegorici riguardanti tutto ciò che – soprattutto a livello interiore – le arti marziali implicano: la percezione di sé, dell’altro, del conflitto; l’equilibrio dello yin e dello yang, l’importanza del coltivare la propria natura… Continua a leggere »


Uno hanami virtuale da realizzare insieme: “Tweet your hanami”

Postato il

Tweet hanami sakuraPronti questo weekend a sbocciare insieme ai sakura (fiori di ciliegio)? E allora prendete parte al primo hanami (contemplazione dei fiori) virtuale italiano, Tweet you hanami, organizzato da Moustaches (@michela_dp), Francesca Scotti (@fraimirtilli), Wander in Japan (@WanderInJapan), Traduzioni & Giappone (@TradGiappone), Giappone per tutti (@giapponextutti) e da Biblioteca giapponese (@Bibliogiappone).

Chiunque può dare il proprio contributo (una foto, una canzone che ‘fa’ primavera, una ricetta, un pensiero, un brano…) e *non* è assolutamente richiesto vivere in Giappone; per partecipare potete usare in Twitter l’hashtag ufficiale #sakurandom, o spedirmi il vostro materiale via email (bibliotecagiapponese@gmail.com) e via Facebook (la pagina ufficiale del blog è questa). E’ già attiva una bellissima board di Pinterest, tutta tinta di rosa e bianco.

Vi aspettiamo! ♥


“Underground” di Murakami Haruki: ricordando l’attentato a Tokyo di Aum Shinrikyō

Postato il

attentato tokyo Aum Shinrikyō Tokyo, 20 marzo 1995, un lunedì qualsiasi: cinque persone salgono in altrettanti convogli della metropolitana, in cinque diverse stazioni. Sono vestite come tutti, si muovono come tutti, si confondono con facilità in una folla di lavoratori, studenti, cittadini qualunque.

Sono membri della setta Aum Shinrikyō e portano con sé un sacchetto di sarin, un potente gas nervino, ufficialmente riconosciuto arma chimica di distruzione di massa. Al momento stabilito, circa alle 8 del mattino, entrano in azione – bucano i contenitori e li abbandonano nei vagoni -, per poi fuggire vigliaccamente. Il bilancio dell’attentato sarà di tredici morti e seimilatrecento vittime tra feriti e individui rimasti segnati a vita dalle inalazioni.

Murakami Haruki, Continua a leggere »


[Recensione] “Atsumori” di Zeami Motokiyo: la potenza e la poesia del teatro nō

Postato il

Attsumori Zeami Motokiyo“Lo Shakespeare giapponese”: è così che qualcuno ha definito Zeami Motokiyo (1363-1445), attore, drammaturgo e fondamentale teorico del teatro , la cui sapiente mano ha dato vita a uno dei testi più celebri di quella produzione, vale a dire Atsumori, ispirato a un brano dell’Heike monogatari, uno dei capolavori della narrazione epica giapponese. Continua a leggere »


[Recensione] “Gothic Lolita. Storia, forme e linguaggi di una moda giapponese” di Gloria Carpita: un’anima ribelle sotto i merletti

Postato il

gothic lolita gloria carpitaEnigmatiche, affascinanti, ingenue o ribelli: in occidente sembra facile etichettare le gothic lolita – ragazze che tentano di rievocare l’epoca vittoriana (1837-1901) soprattutto (ma non solo) attraverso l’abbigliamento -, eppure ogni particolare del loro aspetto fisico, dalla veletta all’ombrellino lezioso, cela un messaggio che fatichiamo a comprendere o anche solo a recepire.

Inoltrandosi in un campo sinora inesplorato, Gloria Carpita nel suo Gothic Lolita. Storia, forme e linguaggi di una moda giapponese Continua a leggere »


Una storia zen: il monaco, il ladro e la luna

Postato il

Ohara Koson luna

Ryōkan, un maestro di Zen, viveva nella più assoluta semplicità in una piccola capanna ai piedi di una montagna.
Una sera un ladro entrò nella capanna e fece la scoperta che non c’era proprio niente da rubare.

Ryokan tornò e lo sorprese. «Forse hai fatto un bel pezzo di strada per venirmi a trovare,»
disse al ladro «e non devi andartene a mani vuote. Fammi la cortesia, accetta i miei vestiti in regalo».

Il ladro rimase sbalordito. Prese i vestiti e se la svignò.

Ryōkan si sedette, nudo, a contemplare la luna. «Pover’uomo,» pensò «avrei voluto potergli dare questa bella luna».

Immagine di Ohara Koson (1877-1945)

 


“Scrivere per Fukushima”: il Giappone dopo il terremoto, dopo lo tsunami, dopo il dolore

Postato il

scrivere per fukushimaScrivere per Fukushima: sembrerebbe un’operazione impossibile, eppure per certi versi doverosa.

E’ per questa ragione che è nata un’antologia omonima, Scrivere per Fukushima. Racconti e saggi a sostegno dei sopravvissuti del terremoto, cui hanno dato il loro contributo molti nomi della letteratura giapponese Continua a leggere »