Negli ultimi anni – e credo non sia solo una mia impressione – si sta assistendo nel nostro paese a un interessante fenomeno, sulle cui origini socio-culturali bisognerebbe indagare:
la rivalutazione delle storie a fumetti e delle serie animate
, seguita, per conseguenza, dalla pubblicazione di riviste e volumi appositi.

Tra i testi che ho trovato più interessanti in merito, vorrei segnalarvi Vita da cartoni, di Elettra Dafne Infante (regista, scrittrice e sceneggiatrice) e Fabio Bartoli (già autore di Vado, Tokyo e torno e Mangascienza, di cui ho rispettivamente parlato qui e qui), in libreria dal 7 giugno 2012 per i tipi Tunué e con tanto di dvd allegato (qui un’anticipazione).

Dopo una ricca panoramica sulle scuole d’animazione più influenti nella penisola (come l’americana, la giapponese e, last but not least, la nostrana), i due autori esaminano il contesto italiano dal dopoguerra a oggi, passando per Carosello e Bim Bum Bam, per approdare alle ultime serie apparse nel palinsesto di Mtv, senza dimenticare tutti quegli aspetti solo in apparenza accessori – come le sigle, il doppiaggio o le colonne sonore -, capaci di lasciare una traccia durevole nei ricordi, talvolta più della stessa storia a cui sono legati.

Conclude l’opera una raccolta di interviste ai protagonisti del mondo animato italiano: si va dal mostro sacro Bruno Bozzetto, celebre disegnatore, sino a Pietro Ubaldi, che ha prestato la sua voce a Doraemon.

In attesa dell’uscita del libro, vi consiglio di leggerne una succosa anteprima qui, su Issuu.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.