Una nuova uscita: “Generazione otaku” di Hiroki Azuma

Postato il

E’ recentemente uscito un volume imperdibile per coloro che desiderano conoscere meglio un aspetto caratterizzante la società contemporanea giapponese, vale a dire la realtà degli otaku, i ragazzi eccessivamente interessati ai videogiochi e ai manga, al punto da sacrificare per loro relazioni umane e vita attiva. Il libro in questione è Generazione Otaku. Uno studio della postmodernità di Hiroki Azuma, a cura di Lydia Origlia e Marco Pellitteri (Jaca Book, pp. 193, € 19).
Questa la presentazione dell’editore:

Questo saggio, best-seller in Giappone, ha il grande merito di riflettere dall’interno sul fenomeno Otaku, giovani appassionati di manga, videogiochi e disegni animati, che vivono un rapporto esclusivo, sia tra di loro che rispetto ai prodotti che consumano. Il fenomeno, in perpetua crescita dagli anni Ottanta, rappresenta oggi un mercato colossale e si diffonde all’estero grazie al successo mondiale dei manga. Tuttavia questi adolescenti ribelli sono sempre stati considerati autistici e nessuno prima di Hiroki Azuma aveva mai osato studiare seriamente le loro opere-faro e i loro modi di consumarle. Il suo saggio rivela l’inquietante adeguarsi della cultura Otaku alla postmodernità. Perdita di riferimenti, fine delle grandi storie, rimescolamento del confine fra autore e consumatore, fra originale e copia: la cultura Otaku vista come la prima cultura postmoderna.


2 commenti su “Una nuova uscita: “Generazione otaku” di Hiroki Azuma

  1. Questo mi interesserebbe, sotto sotto. E’ uno dei fenomeni del moderno Giappone che mi piacerebbe capire meglio, perché poi forse come schema non riguarda solo il Giappone, oramai… Buone feste, ragazza..

  2. Grazie della recensione, è un piacere vedere che il libro è piaciuto.
    Puntualizzo solo, rischiando di sembrare pedante, che Lidia Origlia ha tradotto il libro dal giapponese ma la curatela scientifica ed editoriale è interamente mia.
    Grazie per l’attenzione e complimenti per il vostro sito,
    Marco Pellitteri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *